A Il Marrugio un nuovo “pranzo-spettacolo” all’insegna di curiosità e divertimento

locandina-CALABRIA-MIANuovo appuntamento del ciclo “Da Regione in Regione”organizzato dall’Azienda Agricola Il Marrugio presso le sale del proprio Ristorante. Dopo il successo riscosso il 6 gennaio scorso (tant’è che è stata richiesta una replica che è in via di definizione!) in cui protagonista era il Piemonte con i suoi cibi e vini tipici, canti, poesie, personaggi storici (presentati in un’originale rivisitazione di Laura Leo) e curiosità, è la volta della Calabria. Domenica 31 gennaio i curiosi e gli appassionati di ghiottonerie della tradizione calabrese, potranno allietare a pranzo i loro palati con Cudduri sozizz e suppressat (Taralli salsiccia e soppressata), Pip e patat mpacchiat (Pepi e patate attaccati), Rap e sozizz (Rape e salsiccia), Lumincian a ra scopeci (Melanzane alla scapece), Alic scattiat (Alici scoppiettanti) e tanti altri antipasti tipici. E poi: Lagane e cicir e ra pignata cu l’oghi russ (Maltagliati e ceci con l’olio rosso al peperoncino), Cannil spezzat cu ndui (Candele spezzate con la nduia), Ngneddu cu patat a ru furn (Agnello al forno con patate), Baccalà a ghiotta (Baccalà ghiotto) e una selezione di dolci tipici (Chinnulidde, bucconotti, turdiddi e cuddurieddi cavir cavir). Il tutto con ingredienti fatti pervenire direttamente da questa Regione e sapientemente utilizzati dallo chef, proveniente per l’occasione dal cosentino, Antonio Spina per realizzare alcune delle ricette tipiche della sua terra. Anche gli artisti ed esperti che interverranno per offrire curiosità, storie, canzoni, poesie e aneddoti, saranno autoctoni di questa ricca e affascinante Regione per la quale occorrerebbero giorni e giorni al fine di presentarla in tutte le sue peculiarità e bellezze. Tuttavia, non è questa la pretesa degli organizzatori, quanto, piuttosto: “…creare un’occasione di scambio interculturale offrendo a chi vive nella nostra Provincia l’opportunità di sperimentare a tavola gusti e tradizioni delle altre Regioni…. Visto che molti di questi interventi saranno in dialetto, se qualcuno fosse restio a partecipare per timore di non comprenderli, allontani da sé ogni titubanza! Infatti, l’organizzazione ha predisposto delle dispense e/o un sistema di “traduzione simultanea” per garantire a tutti partecipazione e divertimento!”.
Per informazioni e prenotazione (vista la particolarità dell’evento ed il numero limitato dei posti disponibili, è obbligatoria!) telefonare ai numeri: 0761.263767 – 373.7510399 (Il Marrugio: Strada Borgherolo, 4 – Loc. Carrozza – Viterbo).

Visualizza il menu pdf

Recent Posts